Napoleone all’isola d’Elba – Giovanni Livi

Napoleone all’isola d’Elba

Il conquistatore dell’Europa messo a capo di un’isola di duecento metri quadrati e quindicimila abitanti. Quando nel maggio 1814 Napoleone sbarcò a Portoferraio, l’ingombrante personaggio creò lo scompiglio nella sonnolenta realtà di provincia. Non tutti erano disposti a credere che quello fosse davvero il capitolo conclusivo della sua stella e guardavano a lui ora come una minaccia, ora come una speranza.
Tra agenti segreti del Granduca, patrioti con il sogno di mettere il Bonaparte a capo del nuovo Impero Romano e segrete visite femminili, Giovanni Livi, in questo classico della storiografia, attinge a una gran mole di documenti per ricostruire i mesi più strani e forse meno indagati dell’epopea napoleonica.

______________

Dalla prefazione:

Possiamo così osservare Napoleone che finge di desiderare davvero di passare gli ultimi anni della sua vita ad amministrare l’isoletta e le sue semplici necessità; l’ingenuità di taluni autoctoni che, prestandogli credito, intonano in suo onore inni e canti sull’umiltà del condottiero caduto; quelli che non gli credono affatto, e sperano di conquistare l’ospite a nuove cause come l’unificazione d’Italia sotto il pomposo nome di Nuovo Impero Romano; e, inoltre, tanti dettagli di vita quotidiana, dalle spese per il mantenimento alle varie, a volte misteriose, visite femminili.

LEGGI L’INTERA PREFAZIONE


Giovanni Livi (1855-1930) nato a Prato, fu direttore dell’Archivio di Stato di Brescia e di Bologna. Tra le sue opere: La Corsica e Cosimo I de’ Medici (1885), Dante e Bologna (1921).


Autore: Giovanni Livi
Titolo: Napoleone all’isola d’Elba
Collana: Pillole per la memoria
Isbn: 978-88-96576-47-2
Pagine: 202
Copertina: morbida
Prezzo: € 12
Isbn ebook: 978-88-96576-48-9
Prezzo ebook: € 3,99

Amazon Acquista copia cartacea
.su Amazon

Kindle Acquista ebook per Kindle
.su Amazon

Google Play Acquista ebook in ePub
.su Google Play